Get Adobe Flash player
Condividi
Home Articoli Schede Pesci d'acqua dolce Mikrogeophagus Ramirezi
Banner
PDFStampaE-mail
Microsorium pteropusMoenkhausia Sanctaefilomenae

Mikrogeophagus Ramirezi


Chiedi un'informazione riguardo questa scheda

Nome Scientifico

Mikrogeophagus Ramirezi

Classificazione

Classe

Ordine

Famiglia

Genere

Specie

Actinopterygii

Perciformes

Cichlidae

Mikrogeophagus

Ramirezi

Descrittore

Myers & Harry, 1948

Provenienza

Pesce proveniente dai bacini amazzonici dell'Orinoco (sud America), vive nelle acque dolci del Venezuela e Colombia.

Taglia

Maschi: 7 cm, Femmine: 5 cm

Temperatura

Da 24 a 29 gradi, 26 per la riproduzione.

Ph

Da 5.5 a 7.0, 6.5 per la riproduzione.

Durezza

Da 1 dGH a 5 dGH, 2 dGH per la riproduzione.

Zona di nuoto

Media - Bassa

Descrizione

Pesce dal corpo tozzo, appiattito sui fianchi. Presenta una pinna dorsale molto alta con il secondo raggio molto lungo. Ha una colorazione parecchi variabile anche a seconda della luce che lo colpisce, si possono notare sul fianco dei colori variabili dall'oro al rosso porpora, con qualche puntino blu fluorescente. Caratteristiche sono le due macchie nere che si trovano sotto la pinna dorsale e la banda sempre nera che attraversa l'occhio rosso.

Dimorfismo sessuale

La femmina presenta un ventre rossastro ed il secondo raggio della pinna dorsale meno sviluppato rispetto a quello del maschio.

Comportamento

E' un pesce molto tranquillo e pacifico, può manifestare un po' di aggressività soltanto nel periodo riproduttivo. Possono essere inseriti in piccoli gruppi in modo che si possano formare delle coppie che restano stabili. Per mantenere una coppia è necessario un acquario di almeno 60 litri.

Sono pesci tutt'altro che facili da mantenere in acquario in quanto sono parecchio sensibili hai cambiamenti chimici troppo bruschi, e che soffre parecchio alla presenza di nitrati nell'acqua e di altri inquinanti. Vive prevalentemente nella zona bassa dell'acquario dove cerca nascondigli tra le piante e rocce, è importante quindi avere un acquario ben piantumato e ricco di rifugi. Per quanto riguarda l'alimentazione il Ram è un pesce prevalentemente carnivoro in natura, ma in acquario accetta anche mangime a base vegetale, diventando cosi onnivoro a tutti gli effetti. È sempre buona norma variare il più spesso possibile l'alimentazione, somministrando quindi  cibo secco, liofilizzato, congelato o vivo. Si consiglia comunque di non esagerare con il cibo in modo da non produrre troppe sostanze inquinanti.

Riproduzione

Come quasi tutti i ciclidi la riproduzione è molto interessante.

Il corteggiamento molto spesso inizia con continui inseguimenti da parte del maschio, (è importante fornire adeguati nascondigli alla femmina) e si nota un ingrossamento della pancia della femmina che si fa sempre più tonda e rossa. Dopo un paio di giorni di inseguimenti e parate da parte del mashio di fronte alla femmina, quest'ultima sceglierà un posto dove deporre e comincerà a pulirlo delicatamente con la bocca aiutata dal maschio. Potrebbe darsi che la femmina non si limiti a pulire un solo luogo, ma anche due tre contemporaneamente scegliendo solo alla fine il migliore per deporre. Quando si cominciano a vedere gli organi riproduttivi della coppia capiamo che molto presto (solitamente nel giro di 24 ore) succederà qualcosa. La deposizione avviene la sera, la femmina passa con la pancia su di una superficie liscia lasciando una striscia di uova e il maschio subito dietro le feconda. Potrebbe darsi che non tutte le uova vengano fecondate e cosi nel giro di un giorno sbiancano e ammuffiscono. Dopo un paio di giorni le uova si schiudono e si possono vedere i molti piccoli che vibrano. Capita spesso che i genitori a questo punto decidano di spostarli su di una zona più riparata come ad esempio una buca sulla sabbia profonda al massimo un paio di centimetri in un posto protetto della vasca. Dopo una decina di giorni massimo possiamo già vedere la nube di avannotti che segue i genitori. Dopo 24 dal nuoto possiamo cominciare ad alimentare i piccoli con artemia appena schiusa e dopo un mesetto circa possiamo cominciare ad integrare l'alimentazione con del secco. A tre mesi dalla nascita i piccoli sono già in grado di riprodursi.

Foto

RAM

RAM

RAM



Banner