Get Adobe Flash player
Scheda Casuale
Condividi
Home Schede Gamberetti Lysmata Amboinensis

PubblicaChiunque voglia pubblicare la descrizione del proprio acquario, terrario, laghetto o pubblicare un articolo di acquariofilia, può farlo inviando il materiale a: info@acquariomania.net.

Lavora con noi
Il materiale verrà retribuito con Buoni Acquisto nel nostro Negozio !!! guarda qui

Ti serve aiuto? Hai delle domande?
Entra nel nostro forum...
forum

Banner
PDFStampaE-mail
Lysimachia nummularia aureaLysmata Debelius

Lysmata Amboinensis


Chiedi un'informazione riguardo questa scheda

Nome latino
Lysmata Grabhami e L. Amboinensis
Nome comune
Gamberetto pulitore giallorosso
Dimensioni
Massima 5 cm. In acquario 3 / 4 cm.
Valori dell' acqua
Temp. 24° / 27° Densità 1022 / 1024 PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Simpatico piccolo crostaceo Decapode appartenente alla famiglia degli Hippolidi; la sua classificazione è piuttosto controversa in quanto, secondo alcuni autori la prima specie, presente nel Mar dei Caraibi è diversa dalla seconda presente nell'oceano Indiano e oceano Pacifico; altri autori le considerano solo due forme della stessa specie e i nomi sono considerati sinonimi.
Presenta il corpo di color giallo crema con disegnate sul dorso due righe di color rosso fuoco longitudinali che delimitano una sottile riga bianca, rostro dentellato non molto lungo ed anche esso di color rosso fuoco, occhio grande, nero; il primo paio di pereiopodi è di color bianco ed è dotato di una piccola chela, sono presenti tre coppie di antenne lunghissime, elastiche ed estremamente sensibili, di color bianco, sulla coda, ampia, a ventaglio, sono presenti cinque macchie bianche simili ad ocelli.
In natura il suo alimento principale consiste nei piccoli parassiti che infestano la pelle, le branchie ed i denti dei pesci, molto spesso si vedono uno o più L. Grabhami indaffarati a pulire un pesce, a volte molto più grande di loro; il servizio che offrono è talmente utile, se non indispensabile, che non solo non vengono mai mangiati dai "pazienti" ma, addirittura, i pesci aspettano pazientemente il loro turno nei pressi di vere e proprie "stazioni di pulizia".
Praticamente onnivoro, in acquario si nutre di tutto ciò che trova sul fondo o negli interstizi delle madrepore; accetta mangime secco sia in scaglie che in piccoli granuli, artemie e chironomus surgelati o liofilizzati, a volte rosicchiano anche piccoli pezzi di polpa di cozza.
Molto pacifico e tranquillo, è molto adatto all'acquario di barriera in compagnia di invertebrati e pesci di piccola grandezza; molto vivace, passeggia tranquillamente per la vasca alla costante ricerca del cibo oppure sosta per pulirsi tranquillamente le lunghissime antenne e non tende per niente a nascondersi; dopo un piccolo periodo di acclimatazione accetta il cibo dalle mani dell'appassionato.
Non ha particolari esigenze per quanto riguarda i valori chimici dell'acqua, che deve essere solo ben filtrata ed aereata, sono comunque consigliabili aggiunte regolari di oligoelementi e bioelementi.
Una caratteristica interessante consiste nel fatto che gli esemplari giovani sono tutti maschi, crescendo compaiono anche i caratteri femminili per cui diventano ermafroditi con l'età matura; la riproduzione, in acquario, è possibile ma è molto difficile portare a termine l'allevamento delle piccole larve.
Per tutti questi motivi non dovrebbe mai mancare nell'acquario di barriera con invertebrati del principiante ma anche dell'esperto acquariofilo.

Banner