Get Adobe Flash player
Condividi
Home Schede Coralli molli Rhodactis sp

PubblicaChiunque voglia pubblicare la descrizione del proprio acquario, terrario, laghetto o pubblicare un articolo di acquariofilia, può farlo inviando il materiale a: info@acquariomania.net.

Lavora con noi
Il materiale verrà retribuito con Buoni Acquisto nel nostro Negozio !!! guarda qui

Ti serve aiuto? Hai delle domande?
Entra nel nostro forum...
forum

Banner
PDFStampaE-mail
Pterophyllum ScalareRhynchocinetes Uritai

Rhodactis sp


Chiedi un'informazione riguardo questa scheda

Nome latino
Rhodactis sp
Nome comune
Attinia a fungo o attinia ad orecchio di elefante
Dimensioni
Massima 25 cm. In acquario 8 / 12 cm.
Valori dell' acqua
Temp. 24° / 27° Densità 1022 / 1024 PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Grosso Antozoo solitario, dell'ordine degli Discosomitidi; molto colorato e molto decorativo proveniente da tutti i mari tropicali ma sopprattutto dall'arcipelago Indo-Pacifico; solitario ma gregario, forma gruppi di quattro / sei individui distinti gli uni dagli altri.
Sessile e completamente privo di un sostegno scheletrico, si fissa su di un sostegno inerte, quale una roccia o una madrepora morta, mediante un piccolo disco adesivo detto piede.
Molto simile, come aspetto, agli altri Discosomidi Discosoma sp. presenta dalla parte del corto corpo cilindrico che si trova in posizione opposta al piede un'apertura boccale, spesso rialzata e circondata da un disco carnoso di grosse dimensioni, di colore estremamente variabile: giallo, viola, verde od ocra, coperto da tentacoli urticanti che, vicino al centro sono ben sviluppati ed, a volte ramificati, mentre sono piccoli e semplici vicino al bordo che appare ondulato ed irregolare.
Molto robusto, per essere un invertebrato, è molto adatto all'acquario di barriera in convivenza con tutti gli altri invertebrati, sessili e non, e di pesci di piccola o media grandezza, ma non con Balistidi o Cantigaster.
In acquario preferisce essere sistemato in un luogo fortemente illuminato, ma non con lampade HQI, ed interessato da una certa corrente di acqua, ma se le condizioni ambientali non sono perfette non ne viene assolutamente pregiudicato il mantenimento in cattività.
Onnivoro, trae il suo sostentamento sia dalla alghe simbionti, Zooxantelle, che prolificano in gran numero nel disco carnoso intorno all'apertura boccale, sia da plancton e piccoli animali catturati dall'ambiente circostante; in acquario gradisce plancton liofilizzato o surgelato, artemie o chironomus; se molto grande questo Antozoo può essere nutrito anche con pezzeti di pesce o di polpa di cozza depositati con delicatezza sopra i tentacoli del disco periorale che, in questi casi, si avvolge sulla preda per favorire la digestione che in questa specie avviene esternamente.
Antozoo molto robusto e facile ad acclimatarsi, non ha particolari esigenze per quanto riguarda i valori chimici e fisici dell'acqua che deve essere solo ben filtrata ed aereata.
Sono comunque sempre consigliabili cambi parziali con sifonatura del fondo ed aggiunte regolari di oligoelementi e bioelementi.
Non è particolarmente aggressivo ma è comunque bene lasciare una piccola distanza di rispeto da altri invertebrati sessili che altrimenti potrebbero venir ustionati dalle sostanze urticanti che emette sotto forma di filamenti mucillagginosi.
Per tutti questi motivi e per il fatto che non è una specie rientrante nelle limitazioni stabilite dal CITES, il Rhodactis sp. non dovrebbe mai mancare sia nell'acquario di invertebrati del principiante che in quello del più esperto acquariofilo.

Banner