Get Adobe Flash player
Scheda Casuale
Condividi
Home Articoli Riproduzione dei Betta Splendens
Banner

INTRODUZIONE

Ordine: Perciformes;
Sub ordine: Anabantoidei;
Famiglia: Osphronemidae;
Sub Famiglia: Macropodinae;
Nome: Betta splendens

I labirint fish sono probabilmente comparsi nella terra prima di 50/60 milioni d’anni fa, loro presentano, rispetto ad altri pesci, un organo respiratorio in più, il labirinto. Quest’ organo permette a questi pesci di poter respirare l’aria atmosferica, in quanto le acque da dove provengono sono sempre povere d’ossigeno e non sopravvivrebbero senza tale organo. Sono molto resistenti alle condizioni avverse, riescono a sopravvivere per ore fuori dall’acqua, sempre che siano in un ambiente molto umido, sono anche in grado di spostarsi per ricercare nuove zone d’acqua tramite le loro pinne pettorali.
Il loro habitat è rappresentato dai laghi dell’Africa e dell’ Asia.

DESCRIZIONE

I Betta Splendens, vivono nei laghi della Thailandia e Cambogia, purtroppo in molti luoghi, sono utilizzati per dei combattimenti clandestini.
Presentano un evidente dimorfismo sessuale, il maschio ha delle pinne molto sviluppate e di un colore molto intenso che può andare dal blu al rosso ed ecc…, i maschi hanno dei comportamenti molto particolari, se vedono un altro maschio, o se vedono il loro riflesso allo specchio, tendono tutte le pinne del corpo ed aprono le protezioni delle branchie in modo da sembrare più grandi.Non si possono mai allevare due maschi nella stessa vasca, in quanto si avrà una lotta cruenta trai due, concludendosi con la morte del più debole. Le femmine sono leggermente più minute ed hanno pinne molto più piccole. Le dimensioni adulte sono di 6-7 cm di lunghezza. L’alimentazione può essere composta sia da mangime a scaglie che mangime vivono, adorano le larve di chironomus.


CONDIZIONI OTTIMALI

Le condizioni d’allevamento sono:
T: 26°C
GH: 8°
PH: 7.00

Vasca di almeno 25 cm di lunghezza, si sconsiglia di tenere questi pesci nei “bicchieri” o bocce.

LA MIA VASCA D’ALLEVAMENTO

Ho iniziato l’allevamento dei betta in una vasca di circa 20 litri, come allestimento interno ho inserito un tronco con del muschio di java, un paio d’anubias var. nana ed una palla di cladophora. Come accessori ho inserito un riscaldatore ed un filtro esterno Pratiko 100 dell’ASKOLL (recuperato da una mia vecchia vasca), come illuminazione una semplice plafoniera pl da 10 w per 9 ore.

Le caratteristiche della mia acqua :
T:28°C   
GH:8°       
PH:7.20   
NO3:30 mg/l        
P2O4:0 mg/l

LA SCELTA DEI RIPRODUTTORI

I riproduttori vanno scelti bene, il maschio deve essere giovane, ma completamente adulto, e vitale, la femmina deve essere ben formata ed avere l’addome leggermente gonfio, significa che è pronta all’ovo deposizione.


Maschio che si occupa della cura del nido e delle uova.

LA RIPRODUZIONE DEI MIEI BETTA

La riproduzione di questi pesci  è stata molto semplice e soprattutto molto affascinante, la consiglio a tutti gli appassionati.
Ho inserito, dopo completa attivazione del filtro, sia la femmina che il maschio e già il giorno dopo il maschio ha iniziato a creare il nido di bolle in un angolo della vasca. Nella prima settimana la femmina non ha deposto nessun’uovo, dopo alcuni giorni ho visto il primo accoppiamento, una danza tra il maschio e la femmina, conclusasi con l’espulsione da parte della femmina delle uova. Tali uova sono state recuperate, con la bocca, dal maschio ed inserite nel nido di bolle. A questo punto il nido è stato presidiato dal maschio, che ha tenuto sempre lontano la femmina e si è occupato alla “manutenzione “ del nido. Dopo circa 24h le uova si sono schiuse, per un primo periodo gli avannotti si nutriranno del proprio sacco vitellino, ma dopo 4/5 gg., ho iniziato ad alimentare i piccoli con un mangime molto fino, la cosa migliore sarebbe alimentarli con i naupli d’artemia. Passati circa due mesi i piccoli erano cresciuti, anche se purtroppo non sono riuscito a salvare tutti i nati. Nei prossimi accoppiamenti attuerò un altro sistema, preleverò gli avannotti di 5 gg. con una siringa e li sistemerò in una vasca di circa 10/20 litri dove poterli far crescere con tranquillità.


Nido di bolle.


Nido di bolle con al centro molte uova deposte (in bianco).


Avanotto molto giovane.


Avanotti nati da poco.


Mangime che ho utilizzato per alimentare gli avanotti.


Giovane nato nella mia vasca, ora mai quasi adulto, il sesso ancora non si riconosce con certezza.

VIDEO ACCOPPIAMENTO

CLICCA QUI!

BIBLIOGRAFIA

Riehl Baensch AQUARIUM ATLAS 1 Mergus
Dr. Axelrod’s ATLAS of Freshwater Aquarium Fishes Tfh


                                                                                                                           Michele Cervigni  - Reptil83 -

 

 
 
Banner